Categoria: La Premiata Macelleria

Premiata Macelleria Ricette

Ricette del mese

Diario di Lisa

La mamma ci ha lasciato un quaderno di ricette, vorrei impararle tutte per poter di nuovo cucinare quello che ci preparava lei, al momento mangiamo praticamente solo bistecche tutti i giorni o altri pezzi di carne che nostro padre porta a casa dalla Premiata Macelleria.

Siamo fortunati in un certo senso perché le altre persone non si possono di certo permettere la carne tutti i giorni di questi tempi, anche se mangiare tutti i giorni le stesse cose alla fine te le fa odiare, a me ad esempio la carne non va proprio più, soprattutto quella di manzo, faccio finta di mangiarla ma la sputo nel tovagliolo senza che mio padre mi veda. Gli affari sono calati, ma non penso che la causa siano le difficoltà economiche dei clienti, la nostra macelleria infatti è aperta da tanti anni, già il nonno e suo padre prima di lui avevano avviato questa attività che ha avuto dei periodi anche molto felici, gente da tutta Milano veniva per acquistare la carne da noi, per questo che ci chiamiamo la Premiata Macelleria, pur essendo in un piccolo paese sapeva soddisfare i palati più fini anche delle città vicine. Mentre ora sempre meno gente viene da noi, forse dipende dall’atteggiamento di mio padre, da quando ha fatto “amicizia” con il gestore dell’Emporio, ho notato un cambiamento in lui e non mi piace per niente…

Ma torniamo alle ricette, mia mamma mi diceva che le aveva ereditate dalla nonna, che aveva un’ottima memoria, la nonna infatti non sapeva leggere e scrivere, allora ha pensato bene di insegnare le ricette a mamma che poi le ha trascritte sul quaderno, io adesso vorrei in qualche modo portare avanti questa sorta di tradizione familiare, siccome non ci sarà nessuno a raccontarmi delle ricette dovrò accontentarmi di imparare almeno i piatti che mi hanno tramandato. La mamma poi sceglieva sempre una ricetta preferita per ogni mese che teneva conto del clima e dei prodotti di stagione e quindi più facilmente reperibili e meno costosi. Direi quindi che imparare almeno una ricetta al mese potrebbe essere fattibile, alla fine sono solo dodici, le metterò da parte e mi impegnerò finché non avrò raggiunto l’obiettivo di cucinare un piatto a regola d’arte, chissà che magari nostro padre non apprezzi di più la mia compagnia, almeno durante la cena…

 

— Le ricette del mese le puoi trovare solo nella Premiata Macelleria di Emporium Escape a pochi passi da Milano, in via Cavour 60 Novate Milanese, ma non ti serviranno per cucinare ma per scappare!

Premiata Macelleria Enigmi e Misteri

Enigmi, Misteri e preoccupazioni

Diario di Lisa

Vuoi risolvere un enigma? Allora dovresti parlare con il re degli enigmi: mio fratello!

Quando ha un po’ di tempo a disposizione si diletta a leggere vari libri di decriptazione, fa i rebus, disegna labirinti, insomma sono convinta che sia un mezzo genio anche se non lo da a vedere.

Io sono ancora troppo “piccola” per capire tutto, così mi dice sempre, però mi fa vedere spesso cosa studia e cosa elabora, è convinto che in futuro possa servire avere una mente analitica in grado di risolvere problemi complessi, cosa ci sarà mai da risolvere o da scoprire nella vita che stiamo facendo qui alla Premiata Macelleria proprio non lo so ma lui persevera in questa cosa.

Io mi divertirei sicuramente di più con qualche trucco di magia, oppure qualche incantesimo e invece mi tocca sorbirmi le sue spiegazioni sui vari enigmi ancora irrisolti della storia o di macchine famose, come Enigma di Turing che fu utilizzata durante la guerra per inviare messaggi in codice. Si interessa ai vari metodi usati dalle spie o dalle società segrete per non divulgare a tutti informazioni riservate ma a me comunque sembrano tutte cose più grandi di noi, anche se pensare che fuori dalla Premiata Macelleria esista un mondo così vasto di significati è sicuramente qualcosa di molto affascinante… Con tutte le sue spiegazioni a volte mi immagino di vivere un’incredibile avventura in cui partecipo alla scoperta di un tesoro nascosto utilizzando solo il ragionamento e la deduzione, risolvendo codici che fanno aprire passaggi segreti all’interno di un meraviglioso castello incantato… chissà se prima o poi non accada davvero!

Per il momento ho altre preoccupazioni però a cui pensare, devo sperare che una sera nostro padre esca per parlare con mio fratello, abbiamo in sospeso la questione sull’uomo in nero dell’emporio e non voglio lasciar passare troppo tempo. L’altro giorno ho sentito la nostra dirimpettaia che parlava con lui, le diceva di stare tranquilla e che avrebbe aperto l’emporio al più presto e che lui avrebbe potuto darle “qualcosa” per alleviare i suoi dolori… Lei è malata da tempo, non so di preciso cos’abbia ma la mamma a volte andava da lei per aiutarla nelle faccende che lei non era in grado di fare a causa del dolore. Quello che mi ha preoccupato è stato sentire il rumore della sua voce mentre le diceva: “all’emporio troverà qualcosa che le farà passare tutti i dolori”… la S di “qualcosa” aveva un suono strano, come se fosse stato il sibilo di un serpente che mi ha raggelato il sangue

L’ho visto che parlava anche con il valigiaio del paese, lui ha una bellissima bottega “La Valigia dei Sogni“, passo spesso davanti alla sua vetrina per vedere le valigie e rinfrescarmi con la fontana. Un giorno, mentre ero seduta sulla panchina della piazzetta, si è seduto vicino a me e abbiamo fatto due chiacchiere, mi ha chiesto che bei sogni avessi fatto la notte e ne sono rimasta sorpresa… aveva ragione, pur avendo perso da poco la mamma, di notte i miei sogni non sono brutti, anzi, non vedo l’ora di andare a dormire per evadere un po’ dalla realtà e ritrovarmi in un altro mondo, dove tutto è possibile…

 

— Quali saranno gli enigmi celati nella Premiata Macelleria e della Valigia dei Sogni?

Per scoprirlo vistita le botteghe di Emporium Escape a Novate Milanese.

Premiata Macelleria – Il retro bottega

Ricordi dal retro bottega della Premiata Macelleria

Diario di Lisa

Il retro bottega della Premiata Macelleria è il posto che preferisco di tutto il negozio, non è molto grande ma durante le pause ci passo parecchio tempo, a volte a scrivere questo diario seduta sulla mia sedia impagliata, altre volte porto qualche mio giocattolo e lo sistemo sullo scaffale facendo finta che sia una bella casa delle bambole su più piani.

Forse il retro bottega mi piace tanto perché sento ancora la presenza della mamma lì, a volte me la immagino intenta a sistemare i grembiuli oppure a riporre lo spazzolone nel secchio dopo aver pulito il sangue di qualche taglio di carne fresco, certo detto così non sembra una visione romantica però era quello che faceva tutti i giorni e spesso in mia compagnia. Cerco di tenere vivo il suo ricordo finché mi riesce visto che a casa è proibito parlare di lei, nostro padre non vuole.

Per una ragazzina non è facile rimanere sola con due uomini anche se per fortuna con mio fratello ho un bel rapporto, appena può viene ad accertarsi che io stia bene, con lui parliamo della mamma e della vita che avevamo prima ma il tempo non è mai abbastanza, nostro padre lo cura a vista e pretende da lui sempre di più. Con me invece cerca di non avere a che fare, forse perché gli ricordo la mamma, visto che ho i suoi stessi grandi occhi blu, quando lo guardo lui abbassa lo sguardo e se gli chiedo qualcosa spesso risponde con un grugnito. Non è un cattivo papà ma è sempre stato in un certo senso distante, sapeva che c’era la mamma a occuparsi di me e quindi lui non ci ha mai fatto troppo caso, l’importante era lavorare e mantenere la famiglia, per il resto non c’era mai tempo, non era mai importante.

Vorrei tanto che il nostro rapporto migliorasse, per farci forza l’un l’altra ma temo che non sarà così, ultimamente poi passa sempre più tempo libero con l’uomo in nero che aprirà l’Emporio sotto la Premiata Macelleria e questa cosa non mi piace, quanto prima ne parlerò con mio fratello per sapere cosa ne pensa, io per il momento cerco di stargli alla larga…

— Se vuoi scoprire cosa è successo a Lisa nella Premiata Macelleria fai visita a Emporium Escape

Premiata Macelleria – un uomo in nero apre un Emporio

La Premiata Macelleria è ancora aperta.

Diario di Lisa

La Premiata Macelleria non ha chiuso i battenti anche se ne avremmo avuto tutti i diritti visto quello che è accaduto alla nostra famiglia, non è un segreto, anzi è stato sulla bocca di tutti in paese per diverso tempo, purtroppo…

Nostro padre ci ha detto che sarebbe stato meglio per tutti continuare a lavorare, continuare con la solita vita per evitare di cadere in depressione, peccato che quando viene a mancare proprio la mamma non si può pensare di far finta di nulla… ma non ha sentito ragioni, lui e mio fratello aprono tutti i giorni la Premiata Macelleria, fanno avanti e indietro dalla cella frigorifera con nuovi tagli di carne e io, che non ho ancora l’età per stare in negozio, sono costretta a lavare grembiuli su grembiuli imbrattati di sangue, intrisi di morte e questo non fa che farmi pensare alla fine, alla fine di tutto.

Nostro padre non è mai stato molto socievole, c’era mamma infatti che pensava a mantenere le relazioni e gestire i clienti della Premiata Macelleria, lui si è sempre limitato a lavorare e a insegnare a mio fratello il mestiere da macellaio. Ultimamente però sembra aver fatto amicizia con un tipo strano che si aggira in paese, ho pensato fosse un bene ma quell’uomo in nero non mi ispira per nulla fiducia… pare che a breve aprirà un emporio proprio sotto la Premiata Macelleria. Qui in paese nessuno lo conosce ma chi ha avuto a che fare con lui dice che è una persona molto gentile, che arriva da lontano e vorrebbe rifarsi una vita proprio qui… per il momento io non ci parlo, vedo però che ogni giorno arriva con delle casse, le porta dentro il suo emporio, ci rimane chiuso dentro per ore al buio e a volte si sentono degli strani rumori provenire da lì, mi fa un po’ paura e ho delle strane sensazioni quando passo vicino al suo Emporio.

 

— Se vuoi scoprire cosa è successo a Lisa nella Premiata Macelleria fai visita a Emporium Escape

Copyright EMPORIUM ESCAPE 2022